Il prezzo del greggio Brent potrebbe essere più costoso di 60 dollari al barile

Il mercato petrolifero è iniziato bene questo mese, recuperando oltre il 5%, raggiungendo un livello multi-mese di $ 58. Ora le quotazioni sono al di sopra del marchio $ 60.

I prezzi sono stati sostenuti da rapporti secondo cui i paesi dell'OPEC a dicembre quasi il 100% ha rispettato l'accordo per ridurre la produzione di petrolio. Un sondaggio Reuters ha mostrato che a gennaio sono stati prodotti 25,75 milioni di barili al giorno, 160.000 barili al giorno in più rispetto a dicembre. In base all'accordo OPEC, entrato in vigore il 1° gennaio, la produzione totale doveva essere aumentata di 500.000 barili al giorno. Pertanto, l'aumento effettivo è stato significativamente inferiore al previsto. Vale la pena notare che a febbraio l'approvvigionamento petrolifero globale potrebbe avaro ancora di più.

Ricordiamo che dal 1° febbraio l'Arabia Saudita produrrà 1 milione di barili al giorno in meno. La decisione è stata presa unilateralmente e mirava a stabilizzare l'offerta e la domanda di fronte alla debole attività economica globale. In precedenza, un altro membro dell'alleanza OPEC, l'Iraq, aveva anche annunciato piani per ridurre la produzione di petrolio a 3,6 milioni di barili al giorno, compensando così l'eccesso di produzione nei periodi passati, il che è stata una violazione dei termini del patto energetico.

Gli umori dei trader sono influenzati anche dai dati sui cambiamenti nelle riserve di petrolio negli Stati Uniti. Il costante calo delle azioni per diverse settimane consecutive è percepito dai trader come la prova di una ripresa della domanda. Le campagne di vaccinazione su vasta scala sembrano dare i loro frutti e contribuire alla graduale normalizzazione dell'attività economica globale. Detto questo, non dirò niente.

Prezzo del petrolio Brent

a sua volta, punta a crescere sopra i 78,00, anche se le dinamiche "rialzi" del mercato petrolifero. Al momento, l'influenza principale sul rublo è la dinamica della valuta statunitense. Negli ultimi giorni, il dollaro è stato richiesto tra i dubbi degli operatori di mercato sulla capacità di Biden di trascinare un nuovo pacchetto di stimoli fiscali attraverso il Congresso. I repubblicani al Senato sono pronti a dare il via libera al prossimo programma di aiuti di Stato, ma solo se il suo equivalente monetario sarà ridotto da 1,9 trilioni di dollari. I democratici insistono sul fatto che è troppo poco. Fino a quando la situazione non sarà chiarita, i trader preferirebbero lavorare con un dollaro più costoso, perché più a lungo l'economia americana rimane senza finanziamenti salvavita, maggiore è il rischio di scivolare in un dollaro più profondo.

In una situazione del genere, gli investitori iniziano ad acquistare il dollaro come bene protettivo. Detto questo, il recupero della coppia USD / RUB è quasi inevitabile.

Leave a Reply

Back to top button