Tassi negativi, indipendenza scozzese e altri problemi della sterlina

Mostra resilienza, essendo in una tendenza al rialzo da molto tempo, ma molti analisti notano l'aumento dei rischi che la Banca d'Inghilterra possa introdurre tassi di interesse negativi nel breve termine. Anche se a breve termine, la sterlina subirà comunque gravi perdite.

Quanto è grande il rischio che i tassi negativi vengano introdotti dalla Banca d'Inghilterra e non è giunto il momento di vendere GBPUSD?Andrey Maslov, analista della FINAM, ha risposto alla domanda della rivista Forttrader.

— (DE) La probabilità che la Banca d'Inghilterra si riduca sotto lo zero nelle prossime riunioni esiste.

La Banca centrale studia da tempo i possibili effetti di questa misura e, data la difficile situazione economica del paese, può compiere questo passo. Chiaramente, una tale decisione potrebbe portare a un miglioramento dei risultati del commercio estero del Regno Unito. Tuttavia, nelle condizioni di politica monetaria ultra-morbida perseguite da altre importanti banche centrali, non ci aspettiamo un calo significativo del valore della sterlina.

Allo stesso tempo, vi sono altri rischi significativi alla base del piano politico per la sterlina. Pertanto, non esiste ancora una comunicazione economica con l'Unione europea, soprattutto in campo finanziario. Molte merci sono scambiate attraverso l'Irlanda e la City di Londra ha ancora un accesso limitato ai mercati del continente.

Anche i rischi associati a un eventuale referendum sull'indipendenza scozzese dovrebbero essere presi in considerazione. Secondo gli ultimi sondaggi, il 58 per cento degli scozzesi è pronto a sostenere l'uscita dal Regno Unito, che è un livello record.

Leave a Reply

Back to top button