Il "Triangolo delle Bermuda" della crisi globale. Parte 1. Stati Uniti

Crisi finanziarie globali

Negli ultimi 5 anni, analisti ed esperti di tutti i paesi hanno seguito da vicino ciò che sta accadendo nel mondo, specialmente negli Stati Uniti. Il motivo è semplice: la stabilità del dollaro come universale nella circolazione della principale moneta mondiale sta esplodendo. Allo stesso tempo, più alto è il livello della soglia del debito pubblico, più è probabile un finale spiacevole per tutti, che è il crollo della moneta, il suo deprezzamento e l'inizio dell'era della crisi economica globale, che porterà alla destabilizzazione politica e sociale.

Sos

Altri articoli della serie:

 

Mercato del lavoro Usa: disoccupazione "forzata"

Ma è solo la moneta, sebbene abbastanza diffusa e utilizzata in tutto il mondo, è la potenziale causa della lunga crisi? È abbastanza difficile dare una risposta inequivocabile, eppure, come molti altri analisti ed esperti, mi affido alla risposta "no". Dopo tutto, l'aumento dei prezzi e il calo della produzione delle maggiori imprese del mondo non dipendono sempre dalla stabilità della moneta.

Se affrontaremo la questione di questa crisi da un punto di vista geografico, le principali regioni "instabili" saranno 3: Stati Uniti, Europa e Asia. Proviamo a considerare i problemi di ogni regione separatamente.

Gli Stati Uniti sono praticamente l'area più problematica di questo "triangolo di crisi". Uno dei fattori principali è l'aumento della disoccupazione nel paese (dal 7,6% all'inizio dell'anno al 9% o più già in settembre-ottobre). Negli ultimi sei mesi, l'aumento della disoccupazione negli Stati Uniti è solo aumentato, il che significa che il mercato del lavoro americano non è in grado di creare posti di lavoro. Vi sono ragioni per questo e l'immigrazione interna ed esterna, ad esempio l'immigrazione clandestina.

L'immigrazione e i problemi ad essa associati possono giustamente essere considerati rilevanti per tutti i paesi sviluppati. Facciamo un esempio: nei primi anni '90, il numero di immigrati senza documenti negli Stati Uniti era di circa 4 milioni. Per uno stato con una popolazione di circa 250 milioni di persone — è solo una goccia nell'oceano. Tuttavia, nel 2012, il numero di immigrati clandestini, secondo i dati forniti dal professore dell'UCLA David Sheck, che si occupava della questione dell'immigrazione clandestina, ammontava a circa 12 milioni di persone (per l'esattezza — da 10 a 20 milioni di persone), e secondo alcuni dati — fino a 40 milioni di persone).

Tutti gli immigrati clandestini cercano di stabilire la propria vita e iniziare a lavorare (la maggior parte nel settore dei servizi e dei servizi, ma ora circa l'80% delle fattorie negli Stati Uniti lavora a spese degli immigrati latino-americani), utilizzando così sempre più posti di lavoro che potrebbero essere utilizzati dai comuni cittadini statunitensi. Si scopre che creano una carenza artificiale di posti di lavoro, occupando le posizioni più ricercate.

Gli Stati Uniti, costretti ad adottare nuove misure per combattere l'immigrazione clandestina, a volte sono pronti anche per passi molto coraggiosi: l'amministrazione Obama ha creato un progetto di riforma dell'immigrazione "sovrumana" — la cosiddetta "Dream Law" progettata per legalizzare tutti gli immigrati illegali a determinate condizioni. Tuttavia, oltre al contesto politico (raccolta dei voti dei cittadini favorevoli ai clandestini alle elezioni presidenziali), la legge non ha un altro vero onere di significato, in quanto la soluzione al problema non lo è. Di conseguenza, la popolazione civile degli Stati Uniti cessa di essere leale e rifiuta "qualsiasi" lavoro, accettando solo posizioni con una buona retribuzione. Mentre i clandestini sono molto più attivi nel loro lavoro, non possono essere coinvolti in una produzione seria che richiede lavoratori qualificati. Di conseguenza, vi è una crisi sociale e un aumento della disoccupazione "forzata", vale a dire disoccupazione non solo per mancanza di posti e mancanza di lavoratori qualificati, ma anche per rifiuto di lavorare alle condizioni esistenti.

Cause naturali delle perdite

Inoltre, l'economia del paese nel suo complesso è colpita da catastrofi naturali/causate dall'uomo. Un duro colpo per l'economia statunitense nel 2012 è stato causato da una serie di tornado, il cui danno è stimato in miliardi di dollari. Le conseguenze di tali catastrofi naturali colpiscono le compagnie di trasporto, assicurazione e commercio, molte delle quali subiscono perdite da beni non realizzati, altre potrebbero fallire a causa dell'incapacità di pagare un'assicurazione ai clienti. Sembrerebbe che gli Stati Uniti siano sempre stati in certe convenzioni climatiche e non siano abituati a tali situazioni. Tuttavia, quando lo stato generale dell'economia è instabile, anche una piccola spinta può causare un'ondata di negatività, per non parlare delle perdite multimiliardaria.

Nessuno trarrà beneficio dal crollo del dollaro

E, naturalmente, rimane una scogliera finanziaria Bernanke. Il problema è ancora piuttosto acuto, in quanto le parti non possono essere d'accordo, continuando ad aumentare il tetto del debito nazionale degli Stati Uniti, il che ritarda solo il momento di default della propria valuta, che al momento non è sostenuta da nulla. Naturalmente, la trasformazione del dollaro in un normale Libro verde a valore zero non vuole solo negli Stati Uniti, ma anche al di fuori del paese. Ad esempio, la Cina, che è uno dei maggiori creditori statunitensi al mondo, e detiene anche un posto record in termini di grado di "fatturato" del dollaro nel paese, in Europa, dove l'euro è troppo lontano dalla stabilità e direttamente dipendente dal dollaro, e in molti altri paesi, i cui panieri valutari sono stati a lungo bi-valuta con una preponderanza del dollaro.

Nessuno trarrà vantaggio dal crollo del dollaro. Tuttavia, capire questo da solo non è sufficiente per risolvere il problema anche a livello statunitense. La cattura sta ancora una volta nel trovare una soluzione al problema, non ritardare la triste fine aumentando il tetto del debito. Un'opzione è la riforma fiscale, che interesserà tutti i cittadini statunitensi con un reddito annuo superiore a $ 250.000 (tasse per i ricchi), ma la riforma incontra troppe proteste ed è improbabile che venga approvata, almeno per l'attuale amministrazione e il presidente. Secondo gli esperti, la questione può essere risolta solo riformando e cambiando il corso economico del paese, ma questo non va bene con il corso attuale. Pertanto, un passo possibile è cambiare il potere politico a vantaggio economico.

Vi sono, tuttavia, soluzioni ancora più radicali alla questione. Se gli Stati Uniti accettano il default (più precisamente, riconoscono il default come l'unica misura possibile), potrebbe esserci una domanda sull'integrità degli Stati Uniti come stato. Non è un segreto che tutti gli Stati all'interno dello Stato sono in condizioni diverse. Più di una volta sulla stampa (anche se sono alle prese con esso) ci sono state dichiarazioni che il Texas e un certo numero di altri stati vogliono ritirarsi dagli Stati Uniti. E se il Texas può affermare di essere indipendente (ha industria, porto, giacimenti petroliferi). Inoltre, esiste la possibilità di unificazione del Texas con il Messico, che ha ripetutamente chiesto di unirsi agli Stati Uniti come stato separato. Gli altri Stati che decidono di ritirarsi sopravviveranno solo nelle coalizioni. Sembrerebbe che questa sentenza assolutamente assurda non possa avere motivi reali, ma non lo è. Ad esempio, gli stati che in precedenza erano dominati dalla popolazione indiana (ora nella riserva) si unirono volontariamente e si riservarono il diritto di ritirarsi. E mentre gli indiani sono oppressi, l'incidente potrebbe accadere nel prossimo futuro.

Quindi gli Stati Uniti in questo momento sono un ciuffo di contraddizioni che non vogliono riversarsi. Solo il tempo ci dirà se si troveranno soluzioni davvero adeguate per le questioni urgenti, ma il procrastinare mette in gioco non solo l'economia di un singolo paese, ma il mondo intero. Ciò avviene quando una soluzione economica può essere l'impulso per rafforzare lo Stato. O la sua perdita totale.

Altri articoli della serie:

Leave a Reply

Back to top button